Iuschra, dopo otto giorni si teme il peggio. Il prefetto: “La speranza sta svanendo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 luglio 2018 15:32 | Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2018 15:32
Iuschra, dopo otto giorni si teme il peggio. Il prefetto: "La speranza sta svanendo"

Iuschra, dopo otto giorni si teme il peggio. Il prefetto: “La speranza sta svanendo”

BRESCIA – “Non siamo stati fortunati, per la morfologia del territorio e per le condizioni psicologiche della ragazzina”, dice il prefetto di Brescia Annunziato Vardè [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] dopo otto giorni di ricerche senza esito di Iuschra, la 12enne bengalese scomparsa nei boschi di Serle.

“Non voglio dire che non si cerca più una persona viva perché abbiamo casi di persone ritrovate in vita anche dopo una settimana, ma è chiaro che la speranza sta svanendo”, ammette amaramente Vardè. Sull’altopiano di Cariadeghe, a 900 metri di altezza, l’area boschiva di più di 700 ettari non ha più segreti per i soccorritori impegnati da giovedì scorso. “Non c’è una sola traccia però. È incredibile”, dice un soccorritore. Un residente continua a ripetere di averla vista. “Venerdì scorso, l’ho vista seduta su una panchina di legno le ho detto ‘ciao’ ma è scappata di corsa”, dice. Gli inquirenti, che hanno raccolto questa testimonianza, hanno escluso qualsiasi altra ipotesi differente dalla scomparsa. “Non c’è nessun orco nei boschi di Serle e non si pensa ad un rapimento”, viene ripetuto.

“Fino a sabato continueremo a lavorare”, ha annunciato il prefetto anche se gli uomini sul campo sono passati dai 300 dei giorni scorsi a poco più di cento. Resteranno di fatto solo i corpi specializzati come cinofili e Protezione civile, mentre gli uomini del Soccorso alpino sono destinati a restare a Serle solo con un presidio.