Ivan Forte uccise la compagna, scarcerato dopo 3 anni: colpa di un foglio perso

Pubblicato il 27 Maggio 2013 5:00 | Ultimo aggiornamento: 26 Maggio 2013 22:32
Ivan Forte scarcerato dopo aver ucciso la compagna: 13 giugno processo

(Foto Lapresse)

REGGIO EMILIA – Omicidio di Tiziana Olivieri, si terrà il 13 giugno a Reggio Emilia, con rito abbreviato condizionato davanti al giudice Angela Baraldi, l’udienza del processo per omicidio volontario a Ivan Forte, 27 anni, reo confesso dell’assassinio della compagna di 41 anni, uccisa nella loro casa a Fontana di Rubiera il 19 aprile 2012.

L’uomo ai primi di maggio era stato scarcerato per decorrenza dei termini di custodia cautelare. Colpa di una carta rimasta nascosta sotto la massa dei fascicoli della cancelleria. Forte era tornato a casa della famiglia a Castrovillari (Cosenza), con l’obbligo di firma tre volte al giorno nella caserma dei carabinieri.

Il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, aveva subito disposto un‘ispezione negli uffici giudiziari reggiani. Nella prima udienza si costituiranno parte civile la madre e il fratello della vittima, mentre il legale di Forte ha chiesto che il processo – inizialmente disposto per il 15 luglio in Corte d’assise – venga condizionato ad una perizia psichiatrica.

Ivan Forte strangolò la compagna e inscenò un incendio nella loro stanza da letto per sviare le indagini. In casa al momento del delitto c’era il loro figlioletto di 11 mesi, che dormiva. Forte lo portò fuori di corsa dicendo ai vicini e ai vigili del fuoco di essere riuscito a salvare lui ma non Tiziana dal fumo. Le indagini dei carabinieri però smontarono la ricostruzione e il giovane confessò il delitto.