Ivano Russo, la ex Virginia Colletta: “Ha mentito, mentre Sarah veniva uccisa è uscito”

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 maggio 2018 12:37 | Ultimo aggiornamento: 23 maggio 2018 13:18
Ivano Russo, la ex Virginia Colletta: "Ha mentito, mentre Sarah veniva uccisa è uscito"

Ivano Russo, la ex Virginia Colletta: “Ha mentito, mentre Sarah veniva uccisa è uscito”

TARANTO – Ivano Russo ha mentito? Mentre Sarah Scazzi veniva uccisa lui “non era a casa sua”. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] A raccontarlo agli inquirenti è stata Virginia Colletta, ex fidanzata del giovane che secondo l’accusa era oggetto di rivalità tra Sabrina Misseri e la piccola Sarah e dunque possibile movente.

La testimonianza di Virgina Colletta è stata resa ai pm nell’ambito di un procedimento nato a latere del processo principale per il delitto di Avetrana. Ivano Russo potrebbe essere accusato di aver tentato di depistare le indagini.

Secondo il racconto di Virginia Colletta, quel giorno di fine agosto 201o Ivano Russo sarebbe uscito di casa alle 13.45, ovvero poco prima che, stando alla ricostruzione processuale, Sarah venisse strangolata nel garage di casa Misseri. A riferirlo a Virginia sarebbe stato Claudio Russo, fratello di Ivano. Lo stesso Ivano avrebbe poi confermato il fatto all’allora fidanzata, spiegandole di essere uscito a comprare le cartine per le sigarette. Sarebbe poi rientrato a casa circa 15-20 minuti dopo, attorno alle 14.05.

Non solo, secondo Virginia Colletta, Ivano le avrebbe poi raccontato anche di aver visto Sarah quel 26 agosto 2010, ossia il giorno in cui è morta. Non è dato sapere però a che ora e perché.

Se confermata, la testimonianza della ex di Ivano Russo potrebbe aprire nuovi agghiaccianti scenari sull’omicidio della piccola Sarah, di cui lo zio Michele Misseri continua ad auto accusarsi, finendo imputato per autocalunnia. Mentre la figlia Sabrina e la moglie Cosima Serrano sono state condannate definitivamente all’ergastolo.

Al processo tutti i parenti di Ivano Russo hanno sempre confermato che il giovane si trovava a casa sua, nelle ore in cui Sarah veniva uccisa. C’è da considerare inoltre che la storia tra Ivano Russo e Virginia Colletta è finita in modo drammatico, con una serie di denunce e contro denunce.

Secondo l’accusa Ivano Russo, all’epoca 26enne, sarebbe stato al centro di un triangolo platonico con le cugine Sarah e Sabrina. Con quest’ultima il giovane avrebbe avuto un incontro amoroso, poi finito male. Circostanza che avrebbe portato le due cugine a litigare, dopo che Sarah ne aveva fatto menzione con altre persone. Da quel litigio, secondo le sentenze passate in giudicato, sarebbe scaturito il delitto.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other