Ivrea, bambino non vaccinato in isolamento all’asilo. La madre: “Non sono no-vax, mancava trivalente”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 settembre 2018 11:01 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2018 11:01
Ivrea, bambino non vaccinato in isolamento all'asilo. La madre: "Non sono no-vax, mancava trivalente"

Ivrea, bambino non vaccinato in isolamento all’asilo. La madre: “Non sono no-vax, mancava trivalente”

ROMA – Un bimbo non in regola con i vaccini è stato costretto a rimanere a scuola in “isolamento”. Un nuovo caso in Piemonte, questa volta a Banchette di Ivrea (Torino) dopo quello – pochi giorni fa – nell’asilo di Settimo Torinese, sul quale sono in corso gli accertamenti della procura di Ivrea. Ieri mattina un bambino di cinque anni è rimasto solo con la mamma in una stanza separata dell’asilo ‘Camelot’ di Banchette.

La sua non è un famiglia No Vax, il piccolo non era in regola però con il vaccino trivalente e la dirigente scolastica ha applicato alla lettera le norme sulla materia. “Siamo in regola con i vaccini – ha detto la mamma, 39 anni – ci manca solo il trivalente”. La direttrice dell’asilo, però, in ottemperanza alla comunicazione ricevuta già la scorsa settimana dall’Asl To4, non ha potuto concedere l’accesso in classe al piccolo.

Solo successivamente il padre del bimbo, un 50enne originario della Sicilia, ha consegnato alla scuola la prenotazione per la visita pre-vaccinale già prevista il prossimo 26 settembre. Documento che, da domani, permetterà al figlio di entrare regolarmente in aula. Ieri invece, dalle 8 alle 11.30, il piccolo è rimasto in un’aula separata insieme alla madre che ha anche scattato alcune fotografie per documentare l’accaduto sui social.

“Non sono una mamma no vax ma voglio tutelare mio figlio – ha detto la donna alla direttrice – visto che ho tutti i documenti in regola presenterò denuncia”. La responsabile del plesso scolastico ha anche chiamato i carabinieri che sono intervenuti per placare gli animi e consentire una verifica di tutta la documentazione, a partire dalla comunicazione dell’Asl inviata alla scuola la scorsa settimana.

Tra l’altro, la direzione didattica dell’asilo, prima dell’inizio delle lezioni, ha inviato alla famiglia l’invito a mettersi in regola con le vaccinazioni in tempo utile. La raccomandata, però, non sarebbe nemmeno stata ritirata dai genitori del bambino. Eventuali atti saranno inviati alla procura di Ivrea che già si sta occupando del caso di Settimo Torinese.