Jessica: come Pamela neanche 20 anni, coltello, scempio del corpo… Manca il negro

di Lucio Fero
Pubblicato il 8 febbraio 2018 11:56 | Ultimo aggiornamento: 8 febbraio 2018 12:18
Jessica Valentina Faoro come Pamela Mastropietro...manca solo in negro

Jessica: come Pamela neanche 20 anni, coltello, scempio del corpo… Manca il negro (nella foto Ansa, Jessica Valentina Faoro)

ROMA – Jessica, come Pamela neanche 20 anni. Jessica Valentina Faoro che come Pamela Mastropietro è morta che neanche 20 anni. Jessica che come Pamela aveva avuto quei pochi anni di vita difficili e dolorosi. Per Pamela la tossicodipendenza, la droga, la comunità per uscirne. Per Jessica una bimba che le era stata tolta dal Tribunale di minorenni e il non avere una vera e propria casa, pulire casa altrui in cambio di un letto.

Jessica e Pamela, entrambe nella loro breve vita hanno conosciuto disagio, emarginazione, sofferenza, errore e dolore. Ed entrambe sono andate a morire per percorsi in qualche modo segnati dalla loro vita piegata e piagata. Pamela che abbandona la comunità e forse va a morire di overdose o forse muore per mano di uno spacciatore o compagno di droga. Jessica che va a morire in un appartamento per mano di un maschio infoiato e violento.

Jessica che prova a difendersi, di Pamela dei suoi ultimi istanti non sappiamo. Jessica che le ruotano in corpo il coltello della prima coltellata e poi altre e altre coltellate. Pamela che il coltello forse, speriamo per lei, lo conosce solo dopo morta, solo da cadavere.

Jessica e Pamela su entrambe lo scempio del cadavere. Pamela mutilata, tagliata a pezzi per infilarla in due valigie. Jessica cui l’assassino ha tentato di dare fuoco al corpo, di bruciare il cadavere pensando poi di potersene sbarazzare. Jessica e Pamela, due giovani difficili e drammatiche vite stroncate, azzerate, sporcate dalla violenza e dall’oltraggio.

Ma nel caso di Jessica…ci manca il negro. Un bel pezzo d’Italia ha detto di capire se non approvare Luca Traini che voleva punire i negri e pulire l’Italia dai negri che hanno ammazzato Pamela. Un bel pezzo d’Italia ha gridato e grida: via i negri dalle strade, parchi, piazze, case, via i negri dall’Italia…hanno ammazzato Pamela!

Nel caso di Jessica nessuno grida via i tranvieri maschi dall’Italia. Già non si può. Gridare così sarebbe idiota, paradossale, demente. Eppure Jessica è stata ammazzata con buona certezza da un tranviere maschio, 39 anni, italiano, pelle bianca che voleva dalla povera ragazza sesso. E’ stato con buona certezza un tranviere italiano, bianco e pare non nuovissimo a molestie a tentare di mettere le mani addosso ad una ragazza di neanche 20 anni indebolita da una vita di dolore e fatica.

Ma nessuno chiederà vengano bucate le gomme delle auto di tutti i tranvieri maschi di Milano o che vengano espulsi dalle palazzine dove abitano in cooperativa. Sarebbe demenza pura unita a bava alla bocca di umani frustrati oltre ogni misura.

Però per Pamela che forse direttamente non l’ha ammazzata nessun negro (forse morta di overdose) mezza Italia ha chiesto di cacciare e punire il negro, un negro qualsiasi per strada va anche bene.  Peccato per la bava alla bocca di mezza Italia, un negro anche nella storia di Jessica ci sarebbe stato alla grande, perfetto per continuare a cacciarli.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other