Josephine Odijie morta annegata in piscina: il mistero dei vestiti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 agosto 2018 13:27 | Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2018 13:27
Josephine Odijie

Josephine Odijie morta annegata in piscina: il mistero dei vestiti

LODI – Proseguono le indagini sulla morte per annegamento di Josephine Odijie, la nigeriana di 35 anni trovata senza vita il 3 giugno nella piscina di una villa di cascina Reghinera a Castelgerundo, in provincia di Lodi. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Dopo tre mesi non ci sono ancora indagati ma resta aperto il fascicolo per omicidio.

Come scrive Il Giorno, sono troppi gli aspetti non ancora chiari sulla morte della 35enne, che da otto anni frequentava Stefano Acerbi, 78enne imprenditore agricolo e proprietario della villa dove la donna è stata trovata senza vita. Acerbi al momento della tragedia si trovava in barca con amici in Toscana e ai carabinieri ha raccontato che Josephine quel weekend non lo avrebbe seguito perché pochi giorni dopo avrebbe dovuto sostenere l’esame per diventare operatrice sanitaria. La donna quella sera, poco prima di morire, aveva bevuto molto alcol.

Secondo la ricostruzione, la nigeriana avrebbe deciso di fare il bagno in piscina nuda, percorrendo circa cento metri di cortile. Uno scenario che racchiude ancora un’incognita: che fine hanno fatto i suoi vestiti? Altre novità potrebbero arrivare dall’analisi del cellulare che dovrà essere sbloccato.