Kayrin, bimba guarita da tumore al cervello. “Un miracolo di Sant’Antonio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Gennaio 2015 10:24 | Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio 2015 10:24
Kayrin, bimba guarita da tumore al cervello. "Un miracolo di Sant'Antonio"

Padre Enzo Poiana dopo il battesimo della piccola Kayrin

PADOVA – Kayrin è nata e sta bene. E tutto fa pensare a un miracolo di Sant’Antonio da Padova. Perché quella di Kayrin è la storia di una bambina che doveva nascere con la condanna a morte stampata sul volto. E invece è successo qualcosa che i medici non riescono a spiegare. E che chi crede attribuisce al santo taumaturgo di Padova.

E’ una storia, quella della piccola Kayrin, che inizia a giugno 2014, quando la bimba è ancora nella pancia della mamma. Inizia con un’ecografia di controllo che dà un responso drammatico. La bimba ha una macchia nera sul volto e i medici sono sicuri: è una cosa grave, una forma tumorale che lascia poche speranze di sopravvivenza. Una malattia che, rivela un controllo successivo, ha già aggredito il cervello.

I genitori a quel punto fissano un appuntamento con uno specialista che ha lo studio non lontano dalla basilica di Sant’Antonio. E prima del controllo i genitori si fermano a pregare. Ed è qui, che secondo il rettore padre della Basilica, Padre Enzo Poiana, avviene quello che sembra un miracolo. Al successivo controllo la macchia e l’infezione sono spariti.

Padre Enzo, che ha battezzato la piccola, ha raccontato quanto accaduto nella basilica. Non ha parlato apertamente di miracolo. La Chiesa chiede cautela e pretende verifiche accurate, come è logico che sia. Vale però quanto detto dai medici: una guarigione inspiegabile.