Lampedusa Nobel per la pace, iniziativa di Espresso e Corriere. Sì di Alfano

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 ottobre 2013 15:17 | Ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2013 15:17
Il Cpt di Lampedusa

Il Cpt di Lampedusa (foto Ansa)

ROMA – Lampedusa candidata al premio Nobel per la pace. E’ l’idea nata sui giornali, Espresso e Corriere per la Sera per primi, e immediatamente ripresa da parte della politica. Un riconoscimento, non una soluzione, ma almeno un piccolo riconoscimento per chi, giorno dopo giorno, accoglie e cura migliaia di migranti che arrivano dall’Africa.

L’iniziativa de L’Espresso. Una raccolta firme per sostenere la candidatura di Lampedusa al premio Nobel per la pace. E’ l’iniziativa lanciata dal settimanale ‘L’Espresso’ attraverso il suo sito dopo il tragico episodio di cronaca costato la vita a centinaia di migranti in arrivo dalle coste africane.

“In quest’isola si svolge ogni giorno una nobilissima battaglia in nome e per conto del mondo intero”, spiega il direttore dell’Espresso Bruno Manfellotto presentando l’iniziativa.

“A combatterla è una piccola comunità che mette da parte la sua vita privata e dimentica i suoi interessi per impegnarsi in una straordinaria gara di solidarietà. Premiare l’isola e i suoi abitanti con un riconoscimento internazionale altamente significativo servirebbe anche a svegliare l’Unione Europea dal suo torpore e sarebbe come gridare “alt” allo scandaloso traffico di carne umana sul quale lucrano all’origine mediatori, scafisti e perfino piccoli ras locali”.

In poche ore, spiegano al settimanale l’appello ha raccolto oltre diecimila firme, ottenendo l’appoggio di associazioni e personalità dell’arte e della cultura.

Sul Corriere della Sera, invece, a sollecitare l’iniziativa è stato un lettore. Il suo appello è diventato un articolo che ha raccolto decine di commenti. Anche parte del mondo politico aderisce alla proposta che