Lanciano, vigilante al supermercato chiede di indossare mascherina: preso a pugni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Aprile 2020 9:35 | Ultimo aggiornamento: 29 Aprile 2020 9:35
Vigilante Lanciano aggredito al supermercato da due fratelli

Vigilante Lanciano aggredito al supermercato da due fratelli (Foto archivio ANSA)

ROMA – Un vigilante ha chiesto a due clienti di indossare la mascherina per entrare nel supermercato di Lanciano e in tutta risposta è stato preso a pugni.

L’addetto alla sicurezza di 26 anni è stato aggredito nel supermercato Oasi nel centro commerciale La Fontana di Lanciano, in provincia di Chieti.

I fatti sono avvenuti nel pomeriggio di lunedì 27 aprile.

L’addetto alla sicurezza ha notato il cliente e il fratello che tentavano di entrare nel supermercato.

I due però non indossavano la mascherina, né i guanti.

Il vigilante di Lanciano ha così fermato i due clienti, per chiedergli di rispettare le misure anti-coronavirus.

I due fratelli di etnia rom hanno reagito prendendolo a pugni davanti agli altri clienti impauriti.

Dopo l’aggressione, i due clienti sono scappati dal luogo del pestaggio.

Subito sono scattati i soccorsi e la vittima è stata portata all’ospedale Renzetti.

I medici hanno diagnosticato al giovane vigilante una frattura del setto nasale.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia, i carabinieri e la polizia municipale.

Le forze dell’ordine ora indagano per identificare i due fratelli e aggressori.

Oltre alle immagini della videosorveglianza, gli agenti hanno acquisito anche le testimonianze dei numerosi clienti presenti al momento dei fatti.

I due fratelli rom rischiano di essere indagati con l’accusa di lesioni personali. (Fonte: Fanpage)