L’Aquila, poliziotta trovata morta: si sarebbe sparata. Aveva appena accompagnato i figli a scuola

di Filippo Limoncelli
Pubblicato il 10 aprile 2019 10:17 | Ultimo aggiornamento: 10 aprile 2019 10:18
l'aquila poliziotta

L’Aquila, poliziotta trovata morta: si sarebbe sparata. Aveva appena accompagnato i figli a scuola

L’AQUILA – Annamaria Chiacchia, 45 anni, si sarebbe uccisa sparandosi con la propria pistola d’ordinanza. La donna, assistente capo coordinatore della Polizia di Stato de L’Aquila, dopo aver accompagnato i figli a scuola, è tornata verso casa e, all’interno di un vicino rudere, avrebbe compiuto il gesto estremo. A trovare il corpo sarebbe stato il fratello. Di fianco al corpo l’arma d’ordinanza il che fa presumere un possibile suicidio, tuttavia il Pm di turno ha disposto l’esame autoptico che sarà effettuato oggi 10 aprile. La poliziotta, da quanto ricostruito, non avrebbe lasciato alcun biglietto e non ci sarebbero motivi apparentemente gravi che spiegherebbero il gesto.

Chi l’ha conosciuta la ricorda come una persona precisa e puntuale nella vita e nel lavoro, stimata da tutti, una donna riservata, una madre e una moglie premurosa. In segno di lutto, la Festa della Polizia, in programma per questa mattina, è stata rinviata. Lo annuncia la Divisione Gabinetto della Questura, che aggiunge: “Nella giornata del 10 aprile, si procederà unicamente, alle ore 9.00, alla deposizione della corona di alloro al monumento ai Caduti della Polizia, collocato nel piazzale della Questura”. (fonte RETE8 – ILCAPOLUOGO.IT)