L’Aquila: riapre basilica di San Bernardino, 6 anni dopo terremoto FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Maggio 2015 10:23 | Ultimo aggiornamento: 3 Maggio 2015 10:23

L’AQUILA – L’Aquila: “Si aprano le porte della basilica di San Bernardino”. Con le parole di padre Carlo Serri, ministro provinciale dei Frati minori, alle 18:02 del 2 maggio 2015, dopo oltre sei anni dal terremoto, è stata riaperta al culto la basilica di San Bernardino, prima chiesa del centro storico a tornare in uso.

Entrato in mezzo a centinaia di persone in raccoglimento l’arcivescovo, Giuseppe Petrocchi, ha officiato una preghiera di benedizione visto che l’edificio sacro, seriamente danneggiato, è stato chiuso dal 2009. Accompagnate da un lungo applauso, le spoglie del Santo sono state portate dagli Alpini, che le avevano prelevate nella chiesa provvisoria di San Bernardino costruita in piazza D’Armi, trasportando il sarcofago su un mezzo dell’Associazione Nazionale Alpini (Ana), affidato al Gruppo Ana della frazione aquilana di Paganica.

La basilica, tornata al suo antico splendore, è stata invasa da centinaia di persone a riprova del forte carattere sociale e religioso del ritorno a casa di uno dei patroni della città. FOTO ANSA.