Piombino: il latte blu era contaminato dallo stesso batterio delle mozzarelle

Pubblicato il 12 agosto 2010 14:14 | Ultimo aggiornamento: 12 agosto 2010 14:23

latteContaminazione da pseudomonas, lo stesso batterio trovato nelle mozzarelle blu. E’ questo l’esito delle analisi effettuate dall’Istituto di Zooprofilassi di Pisa sul campione di latte diventato blu dopo essere rimasto per alcuni giorni nel frigorifero di due coniugi piombinesi. I risultati degli accertamenti sono stati anticipati oggi da Il Tirreno. La contaminazione da pseudomonas e’ stata rilevata solo nella bottiglia di latte, di marca Candia acquistata alcuni giorni fa in un supermercato di Piombino, aperta e lasciata in frigo, mentre i risultati hanno dato esito negativo nel campione prelevato dalla bottiglia ancora sigillata, comprata assieme alla prima. Restano sconosciute le cause della contaminazione.

I batteri potrebbero aver contaminato il latte in fase di lavorazione o confezionamento, ma non e’ escluso che cio’ possa essere accaduto dopo l’aperture della bottiglia. Occorre precisare tuttavia che lo pseudomonas, un contaminante ambientale che, a contatto con l’ossigeno, produce un pigmento di colore blu, non e’ considerato pericoloso, sebbene non sia ritenuto adatto al consumo. I coniugi piombinesi avevano acquistato la bottiglia di latte a lunga conservazione alcuni giorni fa.

Hanno bevuto il latte, poi hanno riposto la bottiglia in frigo e se ne sono andati per il week-end. Lunedi’ 2 agosto, quando il latte e’ stato nuovamente versato nella tazza, la strana scoperta e la corsa all’Ufficio di Igiene dell’Asl. Dopo aver ingerito il latte la coppia non ha tuttavia presentato malesseri o sintomi particolari.