Torino, processo per tumori: la Michelin risarcisce 23 lavoratori con 2,5 milioni di euro

Pubblicato il 29 Settembre 2010 16:21 | Ultimo aggiornamento: 29 Settembre 2010 16:45

Con due milioni e mezzo sono state risarcite le 23 parti civili del processo Michelin-quinques, celebrato a Torino e relativo a casi di malattie di origine professionale. I quattro imputati – tutti ex dirigenti dell’azienda – si sono detti disponibili, oltre che a versare l’indennizzo, anche a patteggiare la pena; la prossima udienza si terrà a gennaio.

L’Inail riceverà 650 mila euro. Le inchieste della procura di Torino, coordinate dai pm Raffaele Guariniello, Sara Panelli, Eugenia Ghi e Gianfranco Colace, si sono concentrate su lavoratori degli stabilimenti torinesi esposti a sostanze nocive come l’amianto e le amine aromatiche. Il processo di oggi si riferisce, tra l’altro, al decesso di sei operai; altre quattro cause si sono concluse negli anni scorsi.