Lecce, Antonio Martina spara al cane di una prostituta perché abbaiava

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 settembre 2014 18:09 | Ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 18:10
Lecce, Antonio Martina spara al cane di una prostituta perché abbaiava

Foto di repertorio

LECCE – Spara perché il cagnolino di una prostituta, abbaiando, lo infastidiva. Queste le accuse contro Antonio Martina, che è stato arrestato a Lecce.

Martina, di 45 anni, con precedenti penali, è stato identificato dopo che al centralino della Questura erano arrivate numerose segnalazioni da parte dei residenti che segnalavano, nella zona di via Montello, alla periferia della città, spari per strada.

Almeno tre i colpi sparati dall’uomo, con una pistola, dalla finestra della propria abitazione, uno dei quali ha raggiunto un’auto in sosta e un altro il muro della casa dove abitano alcune prostitute.

Nel corso della perquisizione a casa di Martina, gli investigatori hanno ritrovato l’arma, una pistola semiautomatica con sei cartucce calibro 9. Rinvenute anche due dosi di eroina e 750euro in contanti.

Interrogato in Questura Martina ha raccontato, in evidente stato confusionale, di aver sparato perché infastidito dalla presenza delle prostitute e soprattutto dall’abbaiare continuo del cagnolino di una di loro.