Lecco/ Bambino muore dopo 3 anni di coma. Era stato investito da una macchina mentre giocava all’esterno della pizzeria del papà

Pubblicato il 21 Luglio 2009 20:56 | Ultimo aggiornamento: 21 Luglio 2009 20:56

È durata oltre tre anni l’agonia di Youssef Mohamaed Fekri un bimbo di origine egiziana investito il 7 maggio 2006 a Brugarolo di Merate (Lecco) mentre giocava all’esterno della pizzeria del papà.

Il piccolo, che avrebbe compiuto 11 anni domenica, è morto nella serata di mercoledì scorso mentre era con i genitori, in attesa del secondogenito, dai nonni in Egitto. Le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate e, nonostante la corsa in ospedale, non si è potuto fare nulla per salvarlo.

Youssef, la sera dell’incidente, stava giocando con alcuni amici in via XXV aprile quando, stando alle ricostruzioni
dell’epoca, improvvisamente sarebbe sbucato da un cortile che si affaccia sulla strada venendo travolto da una monovolume il cui conducente non ebbe il tempo di evitare l’investimento. Le condizioni del bambino erano parse da subito gravi e i medici lo avevano dovuto sottoporre a una delicata operazione chirurgica per ridurre l’ematoma.

La situazione non era migliorata e Youssef era entrato in coma, non risvegliandosi più. Fino al tracollo della scorsa settimana che l’ha portato alla morte.