Siena: rubano la bandiera della Lega e poi la restituiscono con tanto di scuse

Pubblicato il 17 agosto 2010 13:31 | Ultimo aggiornamento: 17 agosto 2010 15:21

Hanno piegato l’asta della bandiera della Lega Nord dal palazzo che ospita la sede provinciale del partito di Bossi in via Simone Martini a Siena. Poi, magari, si sono accorti ”di essere stati scoperti” e hanno deciso di restituire il drappo con tanto di lettera di scuse, scritta lì per lì su un foglietto di carta: ”Scusate per la ragazzata”.

E’ quanto rende noto con un comunicato il segretario provinciale del Carroccio, Francesco Giusti. Proprio il segretario prova anche a ‘ironizzare’ su quanto successo: ”Quando si dice il coraggio” e, aggiunge, ”evidentemente si tratta di simpatizzanti a cui piace tanto la nostra effige, ma in realtà ci hanno fatto un piacere, perchè la bandiera doveva essere sostituita dato che da molto tempo era costretta a subire le intemperie e lo smog…”.

Giusti, poi, collega il fatto ad ”un certo fastidio, provocato dall’avanzata del Carroccio in Toscana e nel senese” e all’esito ”positivo” di alcune battaglie della Lega. Tra queste cita quella ”contro l’ampliamento dell’Aeroporto di Ampugnano, la cui indagine della magistratura potrebbe essere scaturita dal nostro esposto, presentato alla procura della Repubblica” il 16 febbraio 2008”.

All’inizio di agosto anche la bacheca del Carroccio a Staggia Senese era stata danneggiata dai vandali, mentre a luglio, dalla sede di Bettolle sempre in provincia di Siena era stata asportata la targa esterna.