Libia. Controllo con calci e schiaffi per dei giornalisti italiani, la Farnesina protesta

Pubblicato il 24 Febbraio 2011 19:32 | Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio 2011 20:18

TRIPOLI – Un gruppo di giornalisti italiani, tra cui l’inviato dell’ANSA, sono stati bloccati e controllati da un gruppo di miliziani governativi sull’autostrada che va dall’aeroporto a Tripoli e uno di loro, Fabrizio Caccia del Corriere della Sera, è stato anche schiaffeggiato e preso a calci quando ha detto di essere italiano. Dopo un controllo ‘brusco’ sono stati rilasciati e hanno potuto raggiungere un albergo della capitale.

“Appreso dal trattamento di cui è stato fatto oggetto un gruppo di giornalisti … la Farnesina ha impartito istruzioni all’Ambasciatore a Tripoli, Vincenzo Schioppa, di compiere un formale passo di protesta presso le Autorità libiche”.