Lidia Macchi, Stefano Binda assolto: “Mi dispiace, la famiglia merita la verità ma io non c’entro nulla”

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 Luglio 2019 15:50 | Ultimo aggiornamento: 25 Luglio 2019 15:50
Stefano Binda

Nella foto Ansa, Stefano Binda

MILANO – “Mi dispiace per la famiglia di Lidia Macchi. Hanno il diritto di pretendere la verità ma non si fa la giustizia con qualcosa che non è la verità e io non c’entro niente”: Stefano Binda

ha parlato ai microfoni del TgR all’indomani della sentenza della Corte d’Appello che ha ribaltato la condanna in primo grado, prosciogliendolo dall’accusa di omicidio e rendendolo nuovamente un uomo libero. 

Mercoledì 24 luglio, dopo la lettura della sentenza, Binda è tornato a casa a Brebbia, in provincia di Varese, dove vive con la madre e la sorella. “Ero esausto” ha spiegato Binda, parlando del suo rientro a casa. “Stamattina ho dei debiti di gratitudine e sono passato a ringraziare alcuni di quelli che mi hanno sostenuto”, ha detto.

La madre ha raccontato che è andato in chiesa e poi dal giornalaio: “Gli hanno battuto le mani. Gli hanno fatto l’applauso quando è entrato”.

L’omicidio

Lidia Macchi venne stuprata e uccisa a 21 anni con 29 coltellate in un bosco a Cittiglio, in provincia di Varese, in una notte del gennaio del 1987. Binda era stato arrestato il 15 gennaio 2016 e ieri, dopo circa tre anni e mezzo di carcere, è uscito dalla cella. Sia Lidia Macchi che Stefano Binda erano militanti di Comunione e Liberazione oltre che ex compagni di liceo.

La sorella di Lidia Macchi: “Sentenza affrettata”

“Credo che servisse un minimo di approfondimento in più. Forse è stata una sentenza affrettata”, ha detto Stefania Macchi, sorella di Lidia Macchi, commentando la sentenza con cui la Corte d’Assise d’Appello di Milano ha mandato assolto Stefano Binda. “Andremo avanti – ha aggiunto Stefania Macchi – Lidia non ce la restituirà nessuno, nemmeno questi trent’anni senza di lei”. Atteso il ricorso del legale di parte civile, l’avvocato Daniele Pizzi, contro l’assoluzione. (Fonte: Ansa)