Professore di 60 anni a processo per rapporti con l’allieva 16enne: “Sono innamorato”

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 1 Ottobre 2020 10:05 | Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre 2020 10:07
professore a processo

Professore a processo per aver avuto rapporti con una sua studentessa (foto Ansa)

Professore 60enne a processo per aver avuto rapporti con un’alunna 16enne. L’uomo si difende: “Sono innamorato, voglio farmi una  vita con lei”. 

Professore a processo per aver avuto rapporti con una sua studentessa. 

Accade a Lissone in provincia di Monza. Il professore di lettere, 60 anni, finirà a processo a Monza per “atti se**uali con minori con l’abuso dei poteri derivanti dalla sua posizione” per aver avuto una relazione con una delle sue allieve, 16 anni, conosciuta in classe a Lissone (Monza).

Tra i due le effusioni sarebbero scattate dopo un breve corteggiamento da parte dell’uomo che, secondo quanto anticipa il Corriere della Sera, avrebbe dichiarato di essersi innamorato tanto da aver chiesto il divorzio a sua moglie.

A far emergere il rapporto tra la ragazzina e l’adulto è stato un bacio scambiato nei bagni della scuola, immortalato da un alunno con il telefono, finito prima nelle mani di un’altra professoressa e poi della preside.  

I fatti sono avvenuto tra aprile e giungo del 2019. L’uomo avrebbe anche manomesso il registro elettronico della classe, allo scopo di coprire le sue presunte scappatelle con la studente.

L’insegnante, durante il processo che si terrà a metà dicembre, ha intenzione di difendersi in aula. Sostiene di essersi “innamorato” della sua studentessa  e di essere stato pronto a farsi “una vita con lei”.

I racconti della giovane

La ragazza ora ha 17 anni. Secondo il suo racconto, il suo insegnante di italiano avrebbe cominciato a rivolgerle sguardi interessati, per poi passare a messaggi sempre più espliciti.

Messaggi che il sessantenne diceva alla giovane di cancellare dal suo telefono.

I primi momenti di intimità sarebbero avvenuti addirittura all’interno della scuola.

Poi il sessantenne avrebbe portato la minore in un immobile di sua proprietà, dove sarebbe stato consumato un rapporto completo.

L’uomo, sposato e padre di famiglia, aveva parlato della vicenda anche alla moglie che verrà chiamata a testimoniare in aula. 

I giudici all’inizio lo avevano accusato di violenza se**uale. Si è però poi optato per un’accusa diversa, ossia “atti se**uali con minori”.  

La 16enne non voleva denunciare  

Dopo che la vicenda è emersa, la giovane aveva dichiarato di non voler denunciare l’uomo.

Secondo le accuse, ne era ormai succube. Anche lei ora verrà sentita in aula (fonte: Ansa, Corriere della Sera).