Inchiesta G8, la ‘lista Anemone’ arriva alla Guardia di Finanza

Pubblicato il 18 maggio 2010 13:00 | Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2010 13:05

Diego Anemone

La cosiddetta ‘lista Anemone’, relativa ai lavori eseguiti dall’imprenditore Diego Anemone coinvolto nell’inchiesta sugli appalti per i “Grandi Eventi”, è stata acquisita dalla Guardia di Finanza “nell’ambito di una verifica fiscale d’iniziativa, tutt’ora in corso di svolgimento”.

A riferirlo il comando provinciale di Roma che ha precisato anche che “l’intero contesto investigativo relativo ai cosiddetti ‘grandi eventi’ è oggetto di approfondimenti delegati dalla Procura della Repubblica di Perugia”. “Prive di fondamento”, invece, le notizie apparse recentemente sulla stampa secondo cui la ‘lista Anemone’ “sarebbe stata consegnata alla Procura della Repubblica di Roma e/o all’ex procuratore aggiunto dalla capitale dott. Achille Toro“.

Toro infatti ha lasciato la magistratura dopo essere stato indagato nell’inchiesta sugli appalti per i Grandi Eventi. E proprio il coinvolgimento dell’ex procuratore aggiunto di Roma nell’inchiesta ha determinato il trasferimento dell’intera indagine alla Procura della Repubblica di Perugia.