Cronaca Italia

Lite al bar nel Casertano: cinque persone ferite a colpi di fucile da caccia

Litiga con due persone al bar, torna a casa, prende un arma e ferisce cinque persone. L’episodio è avvenuto nella tarda serata di Ferragosto a Maddaloni nel Casertano.

Gli agenti della Squadra mobile hanno anell’ospedale di Marcianise, Antonio Russo, di 34 anni,di S. Felice a Cancello, già conosciuto alle forze dell’ordine, per piccoli precedenti. Il giovane  ha litigato con due persone e ne ha ferite cinque con colpi di fucile da caccia cinque; gli altri tre coinvolti erano estranei al litigio e si trovavano per strada nel momento in cui l’uomo ha sparato.

Secondo la ricostruzione del fatto, Russo per motivi non ancora del tutto chiariti dopo una violenta discussione è passato alle  con due avventori del Bar Viola, in una zona centrale del piccolo centro del maddalonese, Vittorio Marro, di 46 anni ed il figlio di quest’ultimo Benito di 19 anni. L’aggressore ha avuto la peggio e per vendicarsi si è armato del fucile da caccia e ha raggiunto l’abitazione dei Marro, i quali – prevedendone la reazione – l’hanno accolto armati di bastoni.

Russo allora ha cominciato a sparare, e così ha ferito non soltanto padre e figlio, ma anche Nicolangelo Lettieri di 72 anni, Francesco Bernardo, di 38 anni e Arcangelo Avventurato, di 61 anni, tutti soccorsi in ospedale, con ferite giudicate guaribili in pochi giorni.

Vittorio Marro, che rischia di perdere la funzionalità dell’occhio destro, è ricoverato nell’ospedale Cardarelli di Napoli, il figlio in quello di Caserta. Antonio Russo e’ stato bloccato nell’ospedale di Marcianse che aveva raggiunto per farsi medicare ferite e contusioni procurate durante il litigio con i Marro.

To Top