Lizzanello, ferma l’auto per espletare un bisogno: investito e ucciso sulla statale 16

di Redazione blitz
Pubblicato il 18 settembre 2018 13:11 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2018 13:11
lizzanello auto

Lizzanello, ferma l’auto per espletare un bisogno: investito e ucciso sulla statale 16

LECCE – Michele Arcangelo Grande, 50enne di Martano, in provincia di Lecce, è morto dopo essere stato investito da un’auto mentre era accovacciato in un tratto buio della strada statale 16 Lecce-Maglie, in prossimità dello svincolo per Lizzanello, per espletare un bisogno fisiologico, secondo quanto riferito agli investigatori dalla donna che viaggiava con lui.

Una ricostruzione che però inizia a farsi contorta. Grande, infatti, dopo aver parcheggiato la Nissan Micra sul ciglio della strada, non è andato, come ci si sarebbe aspettato, verso destra, all’altezza del guardrail che separa l’asfalto dalle campagne circostanti. Ma a sinistra, proprio in direzione del centro della carreggiata. Esponendosi in maniera clamorosa al rischio di un investimento. Cosa che, purtroppo, è avvenuta qualche istante dopo quando è sopraggiunta una Fiat Grande Punto che lo investito uccidendolo.

L’automobilista si è fermato prestando i primi soccorsi, ma per l’uomo non c’era più nulla da fare. Sull’incidente indaga la polizia locale. Lo scorso 6 gennaio Grande aveva rischiato la vita in un’altra occasione. La casa in cui l’uomo viveva con sua madre a Martano, esplose per una probabile fuga di gas: madre e figlio si salvarono riportando ferite, e vennero indagati per disastro colposo.