Lo svuota-carceri ha fallito. Lo dicono i numeri e la polizia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 ottobre 2013 14:43 | Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2013 14:44
Svuota carceri, dopo due mesi ha fallito

Svuota carceri, dopo due mesi ha fallito

ROMA – Se l’obiettivo era quello di ridurre il numero dei detenuti allora lo svuota carceri ha fallito. E per farlo ci ha messo poco più  di due mesi visto che si tratta di un decreto entrato in vigore l’1 luglio e convertito in legge il 20 agosto.  Il perché è nei numeri: i detenuti sono aumentati e il flusso tra entrate in galera e uscite di galera è rimasto invariato.

I  numeri del flop li dà sul Fatto Quotidiano Luca De Carolis: 

Al 31 luglio, secondo i dati del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, i detenuti nelle carceri erano 64873, a fronte di 47mila posti regolamentari (ma secondo l’associazione Antigone sono 37mila). Il 17 settembre, davanti alla commissione Giustizia del Senato, il capo del Dap, Giovanni Tamburino, ha ammesso: “Abbiamo nuovamente superato la soglia di 65mila detenuti. 

Eppure all’inizio lo svuota-carceri sembrava funzionare.  Ancora il Fatto:

In una prima fase il provvedimento (emesso come decreto legge il 1° luglio, quindi subito operativo, ndr) ha determinato un calo di qualche centinaio di detenuti a settimana, ma da un mese a questa parte il ritmo è venuto meno e c’è una ripresa a risalire”. Ovvero, il decreto legge di luglio ha rimandato a casa qualche centinaio di reclusi (al 30 giugno erano 66mila), ma il lieve effetto è svanito subito.

Sull’Italia, nel frattempo,  incombe la scadenza del 27 maggio 2014. E’ la data che ci ha imposto la Corte europea dei diritto dell’uomo per metterci in regola e garantire a ogni detenuto almeno tre metri quadri di spazio in cella. In caso contrario, l’Italia pagherà fino a 270 milioni.