Loano, 2 turiste ubriache rompono il naso a un carabiniere a testate

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 settembre 2014 11:38 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2014 11:38
(foto d'archivio)

(foto d’archivio)

SAVONA – Due turiste ventenni di origine svizzera sono state arrestate a Loano, in provincia di Savona, accusate di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni per aver rotto il naso ad un carabiniere con una testata.

Le due ragazze, S.B. e R.C., erano state fermate mentre si trovavano sul lungomare di Loano quando, ubriache, hanno iniziato a litigare con alcuni membri dello staff di una discoteca.

Poi lo scoppio di una lite tra le due turiste e una madre, come racconta il Secolo XIX:

Tra la donna e le due ragazze è iniziata una lite, al termine della quale la macchina è potuta infine ripartire alla volta dell’ospedale.

A questo punto le ragazze hanno parcheggiato la loro macchina nel bel mezzo della carreggiata e poi si sono sedute in mezzo alla strada. Alcune persone hanno chiesto l’intervento dei carabinieri. Alla vista delle divise, però, le ragazze hanno risposto aggredendo i militari a urla e spintoni. Uno di loro è stato colpito al viso da una violenta testata che gli ha procurato una frattura al naso. A questo punto sono scattate le manette con la doppia accusa, come detto, di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.

Il militare con il naso fratturato, intanto, è stato trasportato al pronto soccorso del nosocomio pietrese. Ieri mattina a Savona si è svolto il processo per direttissima: davanti al giudice Francesco Meloni le giovani svizzere hanno patteggiato sette mesi ciascuna e sono tornate libere. I due episodi dell’altra notte, cioè la zuffa tra i due ragazzi e le gravi escandescenze delle due giovani svizzere, non fanno altro che gettare benzina sul fuoco circa il livello dell’ordine pubblico di Loano, che già era finito nel mirino del Gruppo Misto di minoranza.