Lockdown, occhio che ci risiamo. Miozzo (Cts): “Inevitabili se i contagi aumentano”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Agosto 2020 21:29 | Ultimo aggiornamento: 13 Agosto 2020 21:30
Lockdown, il Cts avvisa gli italiani

Lockdown inevitabili se aumentano i contagi (Ansa9

Vacanze, giovani, discoteche, assembramenti: per gli scienziati del Cts che consigliano il Governo stiamo rischiando grosso.

“Tornare indietro sarebbe una catastrofe. Ma è bene sapere che se i contagi continueranno a salire i lockdown locali saranno inevitabili”. Così il coordinatore del Comitato tecnico scientifico (Cts) Agostino Miozzo sul Corriere della sera.

“Noi monitoriamo la situazione e guardiamo i dati. Ci piacerebbe molto far tornare la situazione alla normalità. Ma adesso c’è grande preoccupazione”, aggiunge.

Miozzo (Cts): Anche i giovani nelle terapie intensive”

“Abbiamo una graduale ascesa dei numeri, ma soprattutto abbiamo anche persone giovani che stanno entrando nelle terapie intensive – osserva – nessuno è invulnerabile.

Ricordiamoci che questa è una malattia maledetta. Quando colpisce può fare male. Non sta passando la percezione del pericolo, mi preoccupa il senso di onnipotenza dei giovani.

Se continua così nuovi divieti saranno inevitabili. L’andamento della curva epidemica ci dice che l’Italia è in movimento e il virus sta viaggiando.

Se ci faremo sfuggire nuovi focolai avremo guai seri. Non ce lo possiamo permettere”.

Sui test per chi rientra dall’estero: “Il numero di stranieri che vengono in Italia o di italiani che tornano dalle vacanze all’estero è considerevole.

Tanto che questa regola vale anche per chi arriva da Romania e Bulgaria. Però bisognerebbe avere regole uguali per tutti”, cioè in Europa.

“Io credo sia un problema che la Commissione dovrebbe governare meglio, coordinandosi con l’Oms. Suggerire un approccio europeo più coordinato”.

Rischio lockdown: “discoteche sono un pericolo”

Inoltre, “tra i nuovi contagiati c’è una quota alta di persone che scoprono di aver ballato troppo e di aver fatto vacanze nel pieno disprezzo delle regole minime che con ossessione continuiamo a raccomandare. Perché sono le uniche vere terapie protettive. Bisogna intervenire su questo” limitando “gli assembramenti.

Nell’ambito del Cts abbiamo sempre avvisato che le discoteche riaperte sarebbero state un pericolo. Continuiamo a lanciare messaggi di educazione, chiediamo di prepararsi a una nuova possibile emergenza, di limitare i danni”.

La riapertura delle scuole è “la nostra priorità, il settore dove si misura la vittoria della nostra battaglia.

Noi dobbiamo garantire il ritorno in sicurezza dei ragazzi a lezione, degli insegnanti, del personale. Rischiamo di vanificare ogni sforzo, questo mi preoccupa e mi fa arrabbiare”; il ritorno dell’insegnamento a distanza “sarebbe un incubo”. (fonte Corriere della Sera)