Lodi, licenziato ed esodato rapinano il “loro” supermercato

Pubblicato il 13 Marzo 2013 14:51 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2013 15:38

LODI – Genero e suocero, l’uno licenziato e l’altro esodato, hanno rapinato un supermercato a Lodi. Per giunta il “loro” supermercato, nel senso che il più giovane dei due ne era direttore fino a pochi mesi fa, quando venne licenziato per colpa della crisi.

Gli agenti della polizia di Lodi hanno arrestato i due dopo la rapina ai danni del direttore attuale del supermercato. Il genero è l’ex direttore dello stesso supermercato che era stato licenziato per la crisi. L’uomo ha fatto da autista con la sua auto al suocero, un esodato, che per farsi consegnare il bottino, circa 5.000 euro, ha puntato un pistola all’attuale direttore all’ingresso della banca in cui stava versando il denaro. Entrambi, incensurati, sono stati scoperti, come spiega la polizia, per il passo falso compiuto dall’ex direttore: denunciare, la sera stessa della rapina, il furto della propria Audi trovata dai vigili nel parcheggio del cimitero di Paullo. La polizia si è accorta del fatto che le due lettere iniziali della targa, riferite da un testimone, coincidevano con quella della vettura di cui era stato denunciato il furto.