Lodi, uomo picchiato e lasciato senza vestiti in stazione: è in coma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 novembre 2017 12:40 | Ultimo aggiornamento: 6 novembre 2017 12:43
lodi-aggressione

Lodi, uomo picchiato e lasciato senza vestiti in stazione: è in coma

LODI – Picchiato, spogliato e ridotto in coma nella stazione di Lodi. La brutale aggressione ai danni di un uomo è avvenuta intorno alle 22 di sabato 4 novembre. A trovare la vittima, un nigeriano di 35 anni, gli agenti di polizia intervenuti per un’aggressione a scopo di rapina. L’uomo è stato preso a calci e pugni alla testa, riportando un gravissimo trauma cranico, ed è stato ricoverato all’ospedale Maggiore.

Paola Arensi sul quotidiano Il Giorno scrive che alcuni testimoni hanno assistito al pestaggio, con la vittima che è stata picchiata a scopo di rapina o forse per una spedizione punitiva nella stazione di Lodi:

“Le sue condizioni sono migliorate, ma resta in prognosi riservata per il forte trauma cranico e per un altro trauma a un occhio. La polizia ha raccolto i racconti dei testimoni e ha acquisito i filmati della videosorveglianza dello scalo ferroviario. Si tenta quindi di dare un volto agli aggressori attraverso gli occhi elettronici. Tutto per ricostruire meglio la vicenda. Lo straniero è da tempo domiciliato in una comunità di Lodi.

Poche ore dopo e a poche centinaia di metri dalla stazione è stata segnalata una seconda aggressione. Anche in questo caso sono rimasti coinvolti extracomunitari ed è intervenuta la polizia di Stato. In questo secondo caso è rimasto ferito un giovane di 21 anni, colpito alla caviglia. La Croce Rossa lo ha portato all’ospedale”.