Luca Sacchi e Anastasiya non erano più in buoni rapporti? Parla il fratello di lui

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Luglio 2020 9:57 | Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2020 10:10
Luca Sacchi e Anastasiya non erano più in buoni rapporti? Parla il fratello di lui Federico Sacchi

Luca Sacchi e Anastasiya non erano più in buoni rapporti? Parla il fratello di lui (nella foto Ansa Luca e Anastasiya)

Luca Sacchi e Anastasiya Kylemnyk non erano in buoni rapporti negli ultimi tempi prima della morte di lui? Lo dice il fratello Federico Sacchi.

Il fratello di Luca Sacchi ha detto in tribunale: “Nell’ultimo periodo i miei rapporti con Luca non erano ottimi. Anche con Anastasiya le cose per Luca non andavano bene, li avevo visti allontanarsi. Vedevo sempre più spesso Giovanni Princi. Tra lui e Anastasiya invece i rapporti ultimamente erano sempre più buoni“.

Le sue parole sono riportate dall’Ansa.

Il fratello di Luca Sacchi in tribunale

Federico Sacchi è il fratello di Luca, ucciso il 23 ottobre scorso a Roma. Federico ha parlato davanti ai giudici della prima Corte di Assise di Roma.

Lì, a porte chiuse, si sta svolgendo il processo a carico di cinque persone, tra cui la fidanzata del personal trainer.

Scrive ancora l’Ansa: Federico, presente la sera dell’omicidio, ha poi riferito ai giudici di come quella sera Princi si sia allontanato dal pub, poco prima del delitto avvenuto per mano di due pusher di San Basilio.

Ascoltato anche un altro testimone

Nel corso dell’udienza è stato ascoltato anche Domenico Costanzo Marino Munoz, amico di Sacchi e testimone oculare dell’omicidio.

L’Ansa riporta anche le sue parole: “Anastasiya è stata colpita due volte con il bastone e all’intervento di Luca, Del Grosso ha fatto fuoco”.

La sera dell’omicidio

Luca Sacchi, personal trainer di 24 anni, è morto nella notte tra il 23 e il 24 ottobre scorso davanti al John Cabot pub, in zona Appio a Roma, raggiunto alla testa da un colpo di pistola. La procura di Roma impiega tre mesi per chiudere le indagini, ma la svolta arriva subito quando polizia e carabinieri arrestano gli autori dell’omicidio e inseriscono la vicenda in un contesto legato a una compravendita di droga. (Fonte Ansa)