Luca Sacchi, l’avvocato di Valerio Del Grosso: “Ha chiesto scusa. Non voleva uccidere nessuno”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Ottobre 2019 12:39 | Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre 2019 12:39
Luca Sacchi, Ansa

Luca Sacchi (foto Ansa)

ROMA – “Ha chiesto scusa per quello che è successo. Non voleva di uccidere nessuno”. Lo ha detto l’avvocato Alessandro Marcucci, difensore di Valerio Del Grosso lasciando Regina Coeli dopo interrogatorio di convalida del fermo per l’omicidio di Luca Sacchi. Valerio Del Grosso è uno dei due ventenni fermati per l’omicidio del ventiquattrenne.

“Si è avvalso della facoltà di non rispondere – ha spiegato l’avvocato – e rimandiamo a un’altra occasione il confronto con i magistrati. E’ molto provato e dispiaciuto per quello che è successo”.

Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, l’altro fermato per l’omicidio, durante l’interrogatorio di convalida del fermo si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Nei loro confronti il pm contesta i reati di concorso in omicidio, rapina, detenzione e porto abusivo di armi.

Erano presenti anche altri pusher nella zona del pub la notte dell’omicidio di Luca Sacchi?

E’ quanto emerge dal decreto di fermo disposto dalla Procura citato dall’Ansa. In particolare i magistrati, spiega l’agenzia di stampa, citano le “sommarie informazioni rese da un uomo che ha descritto, per avere direttamente vissuto le fasi precedenti il delitto, narrando che lui stesso era stato incaricato da Del Grosso di verificare se persone in zona Tuscolana avessero il denaro per acquistare come convenuto merce”.

Il teste, spiega l’Ansa, afferma di essersi recato con altre due persone “in via Latina intorno alle 21:30 del 23 ottobre incontrandone una terza, già a lui noto, al quale si presentava come inviato di Valerio”. Sempre secondo il giovane “una donna in quel contesto aveva lasciato uno zaino che lui stesso aveva constatato contenere soldi divisi in due mazzetti da 20 e da 50 euro. Accertata la presenza del danaro la ragazza aveva ripreso lo zaino mentre arrivava subito dopo il Del Grosso”. Il testimone ha poi detto di essere “entrato poi nel pub e di aver sentito subito dopo urla di una donna ed un colpo”.

Fonte: Ansa.