Luca Scatà, il poliziotto in prova che ha ucciso Anis Amri

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 dicembre 2016 11:39 | Ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2016 11:47
Luca Scatà, il poliziotto in prova che ha ucciso Anis Amri

Luca Scatà, il poliziotto in prova che ha ucciso Anis Amri

MILANO – Luca Scatà, fino a stanotte era un poliziotto normale, di quelli in prova che attendono una conferma per prestare servizio. Oggi però Luca Scatà è diventato un eroe internazionale. E’ lui il poliziotto che ha ucciso Anis Amri. Quando infatti il killer di Berlino durante il controllo ha estratto la pistola dallo zaino e ha sparato contro l’agente Christian Movio, l’altro agente, Luca Scatà, lo ha freddato, mettendo così la parola fine alla caccia al terrorista che il 19 dicembre a Berlino ha travolto e ucciso con il suo camion dodici persone.

“Christian Movio è stato attinto a parti non vitali”, spiega il ministro dell’Interno Marco Minniti in conferenza stampa al Viminale, “è ricoverato ma non è in pericolo di vita. Ci ho parlato personalmente. Il ragazzo è molto motivato, una persona straordinaria”. Luca Scatà, che ha sparato e ucciso il terrorista, ha 29 anni ed è un agente in prova.

La sparatoria è avvenuta intorno alle 4 di notte in piazza I Maggio, vicino alla stazione di Sesto San Giovanni. Secondo la prima ricostruzione della questura l’uomo, un magrebino che camminava a piedi, alla richiesta di mostrare i documenti ha estratto una pistola calibro 22 dallo zaino e ha sparato a due agenti di una volante che lo avevano fermato per un controllo, colpendone uno alla spalla. L’uomo ha urlato “Allah Akbar”. I poliziotti hanno risposto al fuoco, uccidendolo. Il poliziotto colpito alla spalla, invece, non è grave ed è stato portato all’ospedale di Monza.