Luigi Marasco, medaglia d’argento a Nassiriya, morto d’infarto inseguendo ladro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Marzo 2015 17:57 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2015 17:57
Luigi Marasco, medaglia d'argento a Nassiriya, morto d'infarto inseguendo ladro

Luigi Marasco

ALESSANDRIA – Era medaglia d’argento al valore dell’Arma per aver difeso se stesso e i propri commilitoni in uno scontro a fuoco con degli insorti iracheni a Nassiriya. E’ morto d’infarto inseguendo dei ladri nella sua Oviglio (Alessandria). Luigi Marasco, 57 anni, sottufficiale dei carabinieri in pensione, era in congedo dal 2009. Prima aveva prestato servizio in Piemonte, Liguria, Trentino Alto Adige e poi all’estero, in Macedonia, Bosnia, Iraq. 

Proprio in Iraq, a Nassiriya, era stato coinvolto in un sanguinoso scontro a fuoco ed era stato insignito della Medaglia d’argento. 

Lunedì 16 marzo Marasco si trovava in strada a Oviglio quando ha notato un uomo che, armato di un coltello da macellaio, si impadroniva della cassa di una farmacia. Lui e il complice, poi, si sono dati alla fuga, nello sgomento della farmacista e dei clienti.

Maresco non è rimasto con le mani in mano. Ha inseguito i due insieme ad altri passanti e duecento metri dopo è morto, proprio nel momento in cui i carabinieri ammanettavano i due. Maresco non sì è più rialzato.

I due uomini, Francesco Torretta, 44 anni, e Pasquale Cataldo, 34 anni, entrambi pregiudicati, sono stati arrestati con l’accusa di rapina. Nei loro confronti si sta valutando anche la sussistenza del reato di morte come conseguenza di altro delitto.