Luigi Venezia: l’ex carabinieri che sfuggì alla mafia, ucciso durante una rapina a Siracusa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 marzo 2018 10:57 | Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2018 10:57
Luigi Venezia: l'ex carabinieri che sfuggì alla mafia, ucciso durante una rapina a Siracusa

Luigi Venezia: l’ex carabinieri che sfuggì alla mafia, ucciso durante una rapina a Siracusa

SIRACUSA – Luigi Venezia: l’ex carabinieri che sfuggì alla mafia, ucciso durante una rapina a Siracusa. L’ex brigadiere in pensione nel 1992 si salvò dall’assalto di un commando. Col volto coperto da un passamontagna e con una pistola in mano i due rapinatori si sono avvicinati al Suv, sul quale vi erano un uomo e una donna. Ma la situazione si è complicata proprio quando i due malviventi hanno puntato l’arma contro le due vittime per derubarle. Perché dall’altra parte c’era appunto Luigi Venezia, 59 anni. Il carabiniere non ha esitato a mettere mano alla pistola dalla quale non si separava mai.

È finita con una sparatoria spiega Repubblica. E i due rapinatori, in pochi istanti, sono diventati assassini: i due hanno ferito ad un braccio Venezia e poi l’hanno ferito con un colpo al torace, poi sono fuggiti via, ma prima hanno fatto sparire l’arma della vittima che non sarebbe più stata ritrovata dai militari, suoi colleghi, del reparto operativo di Siracusa e della compagnia di Augusta che adesso conducono le indagini. Gli investigatori non hanno dubbi: è stata una rapina finita male, così come riferirà la donna che era con Venezia, sentita dai carabinieri di Siracusa ai quali spiega di due giovani col volto coperto da passamontagna che volevano i soldi.