Madoff dei Parioli, Bankitalia indaga su Carispaq: “Non segnalò i conti di Lande”

Pubblicato il 18 Aprile 2011 10:11 | Ultimo aggiornamento: 18 Aprile 2011 10:11

ROMA – Nell’ambito dell’inchiesta sul Madoff dei Parioli, Bankitalia indaga sulla la Carispaq, la Cassa di risparmio dell’Aquila, sospettata di non aver segnalato i conti e gli spostamenti di denaro di Gianfranco Lande. Lo scrive ‘Il Messaggero’. La Carispaq è la banca che Lande aveva scelto come veicolo attraverso cui trasferire all’estero e poi far tornare in Italia i soldi che intascava dai suoi investitori.

Il pm Luca Tescaroli e gli investigatori del Nucleo valutario della Guardia di Finanza stanno vagliando le operazioni fatte su quel conto, intestato alla Eim, sul quale operavano Gianfranco Lande e Roberto Torregiani. Oltre dieci anni di operazioni, quasi cinquecento tra il 2006 e il 2008, stando a un’informativa delle Fiamme gialle, che, per legge, la Carispaq avrebbe dovuto segnalare alla Uif, l’unità di informazione finanziaria di palazzo Koch, che vigila contro il riciclaggio. Ma di quelle segnalazioni, in Bankitalia, non c’è traccia: motivo che induce gli inquirenti a ipotizzare che la banca sapesse e volesse coprire gli affari della “gang dei Parioli”.