Diventa maestro di sci in Montenegro: l’Alto Adige non lo riconosce

Pubblicato il 8 Agosto 2011 20:03 | Ultimo aggiornamento: 8 Agosto 2011 20:03

BOLZANO – Ha preso il patentino di maestro di sci in Montenegro, ma la Provincia di Bolzano non vuole consentirgli di praticare il mestiere in Alto Adige.

Il caso di un cittadino genovese, che ha ottenuto la specifica autorizzazione da parte dell’Ufficio sport presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, ha indotto la Giunta provinciale altoatesina a impugnare il decreto per conflitto di attribuzioni.

Ottenuto da Roma il via libera all’esercizio della professione, il neo-maestro ha chiesto l’iscrizione al collegio regionale.

La Giunta provinciale, però, ha deciso di impugnare per conflitto di attribuzioni il decreto con il quale il Capo dell’Ufficio sport presso la Presidenza del Consiglio dei ministri ha riconosciuto il titolo ottenuto nel paese balcanico e ha concesso l’autorizzazione a svolgere la professione sul territorio nazionale.

«Lo Statuto di Autonomia – ha precisato il vicepresidente Hans Berger – concede alla Provincia di Bolzano la competenza legislativa e amministrativa in materia, e per questo motivo abbiamo ritenuto opportuno proporre ricorso alla Corte Costituzionale per conflitto di attribuzioni e impugnare il decreto di fronte al Giudice amministrativo».