Mafia Capitale, sequestrati a Salvatore Buzzi beni per 16 milioni di euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Giugno 2015 12:06 | Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2015 12:06
Mafia Capitale, sequestrati a Salvatore Buzzi beni per 16 milioni di euro

Mafia Capitale, sequestrati a Salvatore Buzzi beni per 16 milioni di euro

ROMA – Un sequestro di beni per 16 milioni di euro. Questo il provvedimento che la Guardia di Finanza ha eseguito il 15 giugno nei confronti di Salvatore Buzzi, indagato nell’ambito dell’inchiesta Mafia Capitale.

Il nuovo provvedimento di sequestro emesso dal tribunale di Roma riguarda le quote societarie, il capitale sociale e l’intero patrimonio aziendale della Sarim Immobiliare Srl, una società di Roma che opera nella locazione immobiliare.

Dalle indagini condotte dalla Guardia di Finanza è emerso che la società – il cui legale rappresentante è Emanuela Bugitti, anche lei coinvolta nella prima fase dell’inchiesta Mafia Capitale – era partecipata dalla stessa Bugitti (6%), da Buzzi (6%) e da Carlo Maria Guarany (1%).

Inoltre, la Sarim Immobiliare risulta controllata per il 48% dalla cooperativa ’29 giugno’ e per il 4% dalla cooperativa ‘Formula sociale’, entrambe poste sotto sequestro a dicembre scorso.

Il patrimonio della Sarim è composto da disponibilità finanziarie, partecipazioni societarie e, soprattutto, una unità immobiliare di 2.750 mq a Roma utilizzata dalle cooperative di Buzzi come casa di accoglienza dedicata a categorie protette (donne, minori, rifugiati e richiedenti asilo). Con i beni sequestrati oggi, il valore complessivo dei beni posti sotto sequestro nelle due fasi dell’inchiesta ammonta ad oltre 360 milioni.