Mafia. Domiciliari per assassino Graziella Campagna

Pubblicato il 11 Dicembre 2009 21:19 | Ultimo aggiornamento: 11 Dicembre 2009 21:19

Graziella Campagna

Gerlando Alberti junior, uno degli assassini di Graziella Campagna, la ragazza di 17 anni uccisa nel messinese il 12 dicembre ’85, si trova agli arresti domiciliari a Falcone (Me). L’ha reso noto il suo avvocato, Antonio Scordo, spiegando che il provvedimento è stato emesso dal tribunale di sorveglianza di Bologna che ha accolto la richiesta del legale di retrodatare la carcerazione del suo assistito, come previsto dall’ordinamento penitenziario, in modo che Alberti potesse usufruire dei domiciliari.

Domani 12 dicembre ricorre l’anniversario della morte di Graziella Campagna, che sarà ricordata a Saponara nel corso di alcune iniziative. Gerlando Alberti junior era tornato in carcere a mezzanotte del 18 marzo 2008, un’ora dopo la sentenza della Corte d’Assise d’Appello che aveva confermato il carcere a vita per lui e per il suo complice Giovanni Sutera. La ragazza, che aveva 17 anni e faceva la stiratrice, venne rapita e uccisa perchè Alberti, allora latitante, sospettava che avesse visto un’agendina con numeri di telefono compromettenti, dimenticata nella tasca di un capo portato nella lavanderia dove lavorava la giovane.