Mafia: ergastolano catanese catturato a Bucarest mentre giocava al casinò

Pubblicato il 23 Marzo 2010 9:37 | Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2010 9:37

E’ stato estradato in Italia l’ergastolano Giuseppe Scuderi, 44 anni, affiliato al clan Cappello di Catania, latitante dal 2000, arrestato il 15 marzo scorso a Bucarest dalla polizia romena a conclusione di indagini di carabinieri della compagnia di Acireale. L’uomo è arrivato in aereo allo scalo Leonardo da Vinci di Fiumicino dove è stato preso in consegna da militari dell’Arma e condotto nel carcere romano di Rebibbia in attesa che si definisca in quale struttura penitenziaria dovrà scontare la condanna che gli è stata comminata.

Scuderi si era reso irreperibile nel 2000 poco prima che l’ergastolo per un omicidio di mafia commesso nel 1989 diventasse definitivo e esecutivo. Dopo lunghe indagini carabinieri della compagnia di Acireale hanno individuato il suo nascondiglio a Bucarest.

In collaborazione con l’Interpool alcuni investigatori dell’Arma catanesi si sono recati in Romania e dopo averlo individuato con certezza la polizia del posto lo ha arrestato. Scuderi, che aveva con sé documenti falsificati, è stato bloccato in un casinò di Bucarest mentre festeggiava il compleanno della moglie che era con lui.