Magione (Perugia), insulti razzisti all’arbitro a match under 15: 600 euro di multa alla Junior Carpine

di redaizone Blitz
Pubblicato il 7 Novembre 2019 15:46 | Ultimo aggiornamento: 7 Novembre 2019 15:55
un pallone da calcio

Foto Ansa

PERUGIA – Gli insulti razzisti noo colpiscono solo i giocatori come nel caso di Balotelli durante Verona-Brescia. Possono essere diretti anche agli arbitri. E’ quanto accaduto ad un direttore di gara di colore impegnato a dirigere una partita di calcio under 15 in Umbria. L’arbitro ha sospeso la partita per sei minuti dopo essersi sentito rivolgere insulti a sfondo razzista dai sostenitori sugli spalti.

Come riporta Il Messaggero, l’episodio è accaduto a Magione in provincia di Perugia: il giudice sportivo Marco Brusco, al termine del match ha inflitto una multa di 600 euro allo Junior Carpine pur avendo sottolineato positivamente il comportamento dei dirigenti e del capitano della squadra. 

Nella decisione si legge che al 29esimo minuto del primo tempo,”alcuni sostenitori di detta società insultavano reiteratamente, con frasi razziste, il direttore di gara, tanto che, questi, sospendeva la gara per circa sei minuti. Soltanto dopo gli inviti rivolti a detti sostenitori dal capitano e dal presidente dello Junior Carpine Magione, la situazione tornava alla normalità, così che il gioco riprendeva regolarmente (sanzione ridotta per il fattivo intervento dei dirigenti di detta società)”. 

Fonte: Il Messaggero, Il Secolo XIX