Maltempo, allerta arancione in Sardegna. Da martedì si sposta sul Centro Italia

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 novembre 2018 11:11 | Ultimo aggiornamento: 19 novembre 2018 12:46
Maltempo, allerta arancione in Sardegna. Da martedì si sposta sul Centro Italia

Maltempo, allerta arancione in Sardegna. Da martedì si sposta sul Centro Italia

ROMA – Torna il maltempo sull’Italia. La protezione civile ha diramato l’allerta arancione per oggi, lunedì 19 novembre, in Sardegna. La perturbazione che, dalle 3 di questa notte sta scaricando copiose quantità d’acqua sulla provincia di Cagliari e si concentrerà dalle prossime ore sulla parte occidentale e settentrionale dell’isola. Scuole chiuse a Sassari e ad Alghero. Da martedì il maltempo si sposta sul sud e il centro Italia. Tre alpinisti sono bloccati in Friuli.

Queste le previsioni di 3bmeteo.com sull’Italia per i prossimi giorni.

LUNEDI’ 19 NOVEMBRE Al Nord nuvoloso su Nordovest, Lombardia ed Emilia Romagna con deboli piogge e neve dai 600-700m. Nubi in aumento altrove con piogge serali. Temperature in calo, massime tra 4 e 8. Al Centro maltempo in sardegna con piogge e temporali in estensione entro sera anche ai settori peninsulari. Fenomeni forti sul Lazio. Temperature stabili, massime tra 8 e 11. Al Sud peggiora da Sicilia e tirreniche con piogge in intensificazione ed estensione entro sera a tutte le regioni. Temperature in aumento, massime tra 15 e 19.

MARTEDI’ 20 NOVEMBRE Al Nord cieli chiusi su tutte le regioni con deboli fenomeni a carattere sparso, nevosi fino a bassa quota, localmente al piano. Migliora la sera. Temperature in calo, massime tra 3 e 7. Al Centro diffuse condizioni di maltempo con piogge e rovesci anche temporaleschi, neve a 1400m in rialzo in Appennino. Temperature in aumento, massime tra 12 e 16. Al Sud diffuso maltempo con piogge e temporali, anche intensi sulla Campania. Miglioramento graduale nel corso della notte. Temperature stabili, massime tra 15 e 19.

MERCOLEDI’ 21 NOVEMBRE Al Nord nuvoloso al Nordovest e sulla Lombardia con deboli fenomeni in Piemonte e Liguria, nevosi dai 1100m, ampie aperture sulle altre regioni. Temperature in aumento, massime tra 8 e 12. Al Centro a tratti instabile in Sardegna, buono sui settori peninsulari con tendenza la notte a qualche pioggia sul Tirreno . Temperature stabili, massime tra 12 e 16. Al Sud variabilità e qualche residuo piovasco al mattino, dal pomeriggio api spazi soleggiati con bel tempo prevalente. Temperature stabili, massime tra 15 e 19.

Tre alpinisti bloccati in Friuli

Tre alpinisti veneti sono bloccati da domenica pomeriggio sulla Cima Strugova, nelle Alpi Giulie Occidentali nella zona di Tarvisio (Udine). I tecnici del soccorso alpino e speleologico della stazione di Cave del Predil stanno tentando di raggiungerli. L’intervento di soccorso è complicato dal maltempo. Da ieri sera sulla zona sta nevicando e la visibilità è ridotta dalla nubi basse; le temperature sono scese attorno ai -10 gradi. Il maltempo impedisce anche l’uso dell’elicottero per il recupero degli escursionisti. Il progetto degli alpinisti era di risalire la via Kugy alla Strugova, un percorso di 500 metri di dislivello e 1500 metri di sviluppo, e di scendere lungo la via della Vita, ma si sono attardati più del previsto e sono stati colti dal buio e dalla neve. Già ieri i tecnici del Cnsas, rimasti in contatto telefonico con i tre per tutta la notte, hanno provato a raggiungerli passando per il versante sloveno e il bivacco Brusettini. Ora una squadra di quattro tecnici sta cercando di avvicinarsi attraverso la Cresta delle Ponze, dal Rifugio Zacchi. Altri percorsi sono impraticabili.

Acqua alta a Venezia: previsti 125 cm martedì

Il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree del Comune di Venezia prevede per martedì 20 novembre alle ore 8.45, una punta massima di marea di 125cm a Venezia, con la possibilità di circa 10 cm in più a Chioggia a causa del forte vento di Bora. L’aria fredda che da sabato interessa il nord Italia – come afferma il Centro Meteo dell’Arpa Veneto- “solo lunedì arrivando su Germania e Francia si approfondirà e sarà accompagnata da un calo della pressione anche al suolo”. Si prevede che questa perturbazione possa indurre venti di scirocco nel medio e basso Adriatico lasciando venti intensi di Bora nella parte nord e a Venezia. La concomitanza di questi due elementi storicamente viene detto “scontraura”. Il Centro Maree ricorda che un’alta marea di 125cm comporta l’allagamento di circa il 37% della città. Le zone più interessate dal fenomeno saranno quelle più basse ovvero Piazza San Marco e Rialto. E’ ricordato inoltre che con venti forti si possono generare dei locali accumuli di acqua in aree sotto vento causando quindi sovralzi al livello di marea in aree limitate della città anche di qualche centimetro rispetto al livello medio cittadino.