Maltempo Campania: esonda il Sarno, Benevento città fantasma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Ottobre 2015 13:26 | Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2015 13:27
Maltempo Campania: esonda il Sarno, Benevento città fantasma

Maltempo Campania: esonda il Sarno, Benevento città fantasma

BENEVENTO – In Campania continua a piovere ormai da 24 ore e i fiumi scoppiano d’acqua. E’ ancora massima allerta fino a stasera. Dopo il Calore, il Fortore e il Tammaro nelle zone interne, ora tocca alla costa. A Castellammare di Stabia è esondato in alcuni punti il fiume Sarno. Una persona che era rimasta bloccata in casa è stata salvata dai vigili del fuoco. Allagamenti e danni anche a Napoli e Salerno. Nella notte a Pomigliano d’Arco auto sommerse d’acqua, stamane oltre cinquanta le richieste di aiuto cui deve far fronte la sala operativa del 115 cittadina. Critica la situazione anche nel Nolano e nell’Agro Nocerino-sarnese. A rischio anche la Costiera Amalfitana. Costantemente monitorato il livello del fiume Dragone mentre ad Amalfi si sono staccati massi e detriti che hanno invaso una carreggiata. Benevento sfollata è ormai una città fantasma.

Il Sannio è in ginocchio ancora sotto il nubifragio. A Paupisi, ai piedi del monte Taburno, il sindaco Antonio Coletta, dopo le 100 ordinanze di sgombero già eseguite nei giorni scorsi, da questa mattina sta facendo evacuare altre famiglie nelle frazioni di Pagani e San Pietro. Il comune di Castelpagano è isolato anche con le linee telefoniche. Le squadre di intervento sono partite ma non si sa se riusciranno a raggiungere il paese a causa dei grossi danni subiti dalle strade. Criticità anche nel comune di Molinara, rimasto senza gas.

Lunedì sera sotto una vera e propria bomba d’acqua sono finite le aree del Fortore e dell’Alto Tammaro dove l’acqua ha messo in ginocchio interi paesi, alcuni dei quali sono rimasti isolati, come Castelpagano, Colle Sannita e Pesco Sannita. Da martedì mattina in tutto il Sannio sono riprese abbondanti piogge. Il capo della protezione civile, Fabrizio Curcio, ha annunciato l’arrivo di un centinaio di uomini in più per far fronte alla situazione.

Forti temporali anche a Napoli con allagamenti, disagi e decine di richieste di intervento ai vigili del fuoco. Le zone di Castellammare di Stabia, dove è esondato in alcuni punti il fiume Sarno, e del Nolano sono quelle più critiche. Una persona che era rimasta bloccata in un’abitazione, in via Ripuaria a Castellammare, è stata tratta in salvo dai vigili del fuoco. Oltre cinquanta richieste di aiuto cui deve far fronte la sala operativa del 115 a Napoli. Nel capoluogo, traffico mattutino in tilt a causa della pioggia con lunghe code nella zona ospedaliera, ai Colli Aminei e verso il centro.

Intanto a Benevento la Procura ha aperto un fascicolo, per ora contro ignoti, dopo l’alluvione che ha sconvolto giovedì scorso il capoluogo e gran parte della provincia. Si ipotizza il reato di inondazione colposa. È stato già nominato un perito che effettuerà sopralluoghi anche nell’area della diga di Campolattaro perché si sospetta che l’impianto non sia stato fatto funzionare in maniera regolare. Intanto la Regione Campania ha riconosciuto lo stato di emergenza per le zone colpite dall’alluvione.