Maltempo: neve e freddo al Centro Sud. Vesuvio innevato

di Eleonora Sasso
Pubblicato il 27 Novembre 2013 0:53 | Ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2013 0:53
Maltempo: neve e freddo al Centro Sud. Vesuvio innevato

Maltempo: neve e freddo al Centro Sud. Vesuvio innevato

PESCARA – Neve, temperature crollate di oltre 10 gradi in poche ore, mareggiate, bufere di vento e Vesuvio imbiancato dalla cima alle quote più basse: puntuale, ampiamente previsto fin dalla settimana scorsa, è piombato sull’Italia “Attila“, nucleo gelido di aria artica che sta flagellando soprattutto la costa adriatica, dalle Marche alla Puglia, ma non solo.

E forse è stato il freddo intenso a provocare la morte di un clochard 58enne nel Veneziano: lo hanno trovato alcuni passanti sotto a un cavalcavia a Musile di Piave.

SCUOLE CHIUSE – Martedì scuole chiuse in una quarantina di Comuni dell’Abruzzo, in Campania in alcuni centri delle province di Salerno, Benevento e Avellino, e a Potenza. Mercoledì saranno chiuse anche a Campobasso e altri comuni montani molisani, una sessantina. Resteranno ancora chiuse tante scuole in Abruzzo, comprese quelle dell’Aquila, dove infuriano le polemiche: martedì mattina molti gli automobilisti bloccati in diverse zone della città a causa di veicoli non muniti di gomme termiche o catene che si sono messi di traverso.

TRAFFICO – Lungo le autostrade A14, A16 e A24, numerosi gli interventi per regolare il traffico e interdire l’accesso ai mezzi pesanti. Nelle Marche, bloccato il valico di Colfiorito a causa di alcuni mezzi pesanti finiti di traverso sulla strada ghiacciata. Il traffico sulla statale 77 della Val di Chienti (direttrice Foligno-Civitanova Marche) bloccato sul versante al confine con l’Umbria, tra Colfiorito e Muccia (Macerata), dove alcuni mezzi pesanti senza catene si sono intraversati. Il porto di Ancona è stato chiuso per le pessime condizioni meteomarine. In Molise, per il mare in burrasca interrotti i collegamenti tra il porto di Termoli (Campobasso) e le Isole Tremiti (Foggia).

NEVE – In Abruzzo caduti 70 centimetri di neve nel Teramano a quota 700 metri. L’Anas ha chiuso la ss 81 Piceno-Aprutina a Civitella del Tronto per la caduta di un grosso albero. Ad Atri (Teramo), dove il manto nevoso ha raggiunto i 30 centimetri, un blackout ha lasciato senza corrente la casa di una ragazza che, per sottoporsi a cure mediche, ha bisogno di macchinari: il personale della Croce Rossa di Roseto degli Abruzzi (Teramo) le ha portato un generatore. E nella stessa località un’ambulanza con a bordo tre dializzati è rimasta bloccata nella neve: i pazienti sono stati soccorsi da una jeep della Croce rossa di Silvi (Teramo) che li ha trasportati in ospedale.

In Puglia, un fulmine sulla linea elettrica Fs nel brindisino ha provocato rallentamenti ai convogli tra Lecce e Bari, con ritardi fino a 90 minuti. La circolazione di treni a lunga percorrenza è stata sospesa per permettere di riparare il guasto. In Molise, a provocare problemi alla circolazione ferroviaria, con ritardi fino a 100 minuti sulla linea Termoli-Benevento, è stato un albero caduto sui binari. E per mercoledì si raccomanda cautela sulle autostrade d’Abruzzo: la Strada dei Parchi, concessionaria di A24 e A25, informa che su entrambe sono già caduti oltre 50 centimetri di neve. Sono in azione oltre 200 mezzi spalaneve e spargisale con 400 operatori, ma nella notte si stima che la coltre nevosa possa superare in alcuni tratti il metro. Il consiglio agli automobilisti è di informarsi sulla situazione meteo e di verificare la percorribilità delle strade.