Maltempo al nord: grandine in Val Seriana, bomba d’acqua in Cadore

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 luglio 2018 18:15 | Ultimo aggiornamento: 20 luglio 2018 19:22
Maltempo al nord: grandine in Val Seriana, bomba d'acqua in Cadore

Maltempo al nord: grandine in Val Seriana, bomba d’acqua in Cadore (foto archivio Ansa)

BERGAMO – Come annunciato, il maltempo è arrivato sull’Italia settentrionale. Nel pomeriggio di venerdì 20 luglio un violento acquazzone con grandine [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] si è abbattuto sulla Valle Seriana, in provincia di Bergamo.

Il temporale, preannunciato, si è scatenato sulla zona intorno alle 16: in particolare Clusone è stata colpita da una forte grandinata. Disagi si sono pertanto registrati sulla strada tra Clusone e Villa D’Ogna, ricoperta di terriccio e detriti portati dall’acqua. Anche a Senda, in prossimità della strada che porta al sentiero per la chiesetta dedicata alla Madonnina, la pioggia ha portato in strada detriti e fango.

In Cadore una bomba d’acqua ha investito la zona di Pieve, causando l’esondazione di un piccolo torrente, l’Orsina, con fango a ghiaia che hanno invaso la strada di collegamento tra il paese e Calalzo. Nessuna persona è rimasta coinvolta. Gli uomini della forestale, della Protezione civile e dei vigili del fuoco sono immediatamente intervenuti e hanno già sgomberato tronchi e detriti che si la forza dell’acqua aveva accumulato sotto il ponte che unisce le due località. La strada dovrebbe essere riaperta a breve.

Per la pedemontana veneta e tutta l’area bellunese, dove dal pomeriggio piove intensamente, la Protezione Civile aveva già diramato il codice di allerta gialla. “La situazione è monitorata dal comune di Calalzo – dice l’assessore veneto alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin – Ho sentito il sindaco di Pieve, assicurando la massima collaborazione. La strada sarà riaperta tra pochissimo”.

La perturbazione di origine atlantica che ha provocato questi danni era stata annunciata nelle scorse ore, tanto che il dipartimento della Protezione Civile aveva emesso una allerta meteo che prevedeva a partire dal pomeriggio precipitazioni diffuse, localmente anche molto intense e accompagnate da fulmini, grandinate e forti raffiche di vento, su Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Veneto.

Nella giornata di sabato le piogge interesseranno anche Liguria ed Emilia-Romagna. Sulla base dei fenomeni previsti il Dipartimento ha anche valutato una allerta arancione per rischio idrogeologico su Lombardia centro-settentrionale e Provincia Autonoma di Bolzano.