Maltempo, trovato morto il disperso. Ancora allarme Sicilia

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Novembre 2015 13:00 | Ultimo aggiornamento: 1 Novembre 2015 13:04
Maltempo, trovato morto il disperso. Ancora allarme Sicilia

Maltempo, trovato morto il disperso. Ancora allarme Sicilia

REGGIO CALABRIA – Il maltempo imperversa su Calabria e Sicilia. E’ stato trovato il cadavere di Salvatore Comandè, l’uomo disperso dal pomeriggio di sabato a Taurianova, in Calabria, dopo essere stato trascinato da un torrente ingrossato. Il corpo è stato trovato dai Vigili del fuoco sull’argine del torrente San Nicola, ad alcune centinaia di metri a valle del punto in cui era stato travolto. A Palermo, sono crollati alberi e cornicioni sulle auto. Tempesta sulle Eolie e Ustica isolate.

Quella tra sabato e domenica è stata una notte di grande lavoro per i vigili del fuoco a Palermo. Cornicioni che cadono, anche su vetture in sosta, garage invasi dall’acqua, ma anche rami di alberi divelti e coperture di tetti saltati. Decine gli automobilisti che di notte sono stati liberati dalle auto bloccate nelle strade dove si ripete ad ogni acquazzone il fenomeno dell’acqua alta. Interventi anche a Cefalù e Partinico.

E ancora un torrente esondato tra Catania e Enna, nelle campagne di valle Barbadasino, e Eolie e Ustica isolate. E’ il primo bilancio dei violenti temporali accompagnati da forti raffiche di vento che da sabato si abbattono sulla Sicilia.

Piove incessantemente anche sulla Calabria, soprattutto sulla fascia ionica catanzarese ed il reggino. Sono a rischio esondazione il torrente Budello, a Gioia Tauro (Reggio Calabria), che già in passato ha provocato numerosi danni, e l’Ancinale, nel soveratese, dove in 24 ore sono caduti 311 ml di pioggia. Volontari coordinati dalla Protezione civile stanno monitorando la situazione. Sul posto il geologo Carlo Tansi, nominato dalla Giunta regionale responsabile della protezione civile.