Cronaca Italia

Mamme di Facebook denunciate per truffa: rivendevano sui social gli oggetti per i terremotati

Mamme di Facebook denunciate per truffa: rivendevano sui social gli oggetti per i terremotati
Mamme di Facebook denunciate per truffa: rivendevano sui social gli oggetti per i terremotati

Mamme di Facebook denunciate per truffa: rivendevano sui social gli oggetti per i terremotati

ASCOLI PICENO – Mamme di Facebook denunciate per truffa: rivendevano sui social gli oggetti per i terremotati. Accade ad Ascoli Piceno, dove la Guardia di Finanza ha tenuto d’occhio il gruppo Tutti uniti ancora una volta nell’operazione ribattezzata “Mamme di Facebook”. I finanzieri si sono così accorti che la pagina creata per raccogliere aiuti per i terremotati del Centro Italia in realtà veniva utilizzata per facili guadagni.

Il sito del Resto del Carlino scrive che le due donne promotrici della pagina Facebook sono state identificate e denunciate per truffa:

“Le promotrici sono due donne ascolane, una di Spinetoli – già nota per precedenti truffe – e l’altra di Ascoli città: si facevano spedire e poi rivendevano su piattaforme e-commerce come “Shpock” e “Subito.it” beni di ogni genere, fra cui scarpe vestiti, articoli per la pulizia della casa, aspirapolveri, materiale scolastico, giocattoli, medicinali, coperte e beni di stretta necessità. Le due donne sono state denunciate.

Parte dei beni che le due presunte truffatrici non erano ancora riuscite a vedere sono state recuperate dai Berretti Verdi che hanno sequestrato anche personal computer, materiale informatico, telefoni cellulari e carte “Postpay” sui cui sono transitate somme incassate dalle vendite e soprattutto donazioni versate dagli ignari benefattori vittime della truffa. Il materiale donato dagli italiani è stato donato alla Caritas Diocesana, nella persona del direttore don Alessio Cavezzi, che, finalmente, lo userà davvero per aiutare chi ha bisogno”.

To Top