Mantova, buste paga “vuote” per i terremotati: “Le aziende recuperano l’Irpef”

Pubblicato il 30 settembre 2012 16:43 | Ultimo aggiornamento: 30 settembre 2012 17:55

MANTOVA – L’Irpef e altre tasse erano state sospese ai lavoratori dipendenti delle aree terremotate. Peccato che ora molte aziende stanno recuperando l’Irpef in un’unica soluzione. E così i lavoratori dipendenti residenti nei 34 Comuni terremotati del mantovano si sono ritrovati con una busta paga di settembre quasi azzerata. Proprio a causa del recupero dell’Irpef non versata dopo il sisma.

Lo denuncia la Cgil provinciale. ”In questi giorni – ha spiegato il segretario provinciale della Cgil Massimo Marchini – diversi lavoratori si sono visti quasi azzerare le buste paga di settembre, un’ulteriore e grave difficoltà che pesa su situazioni già difficile. Al governo e alle imprese chiediamo di recuperare l’imposta con gradualità entro l’anno”. Secondo i sindacati la situazione ora si sta facendo critica per i dipendenti che risiedono nei Comuni colpiti dal sisma perché le aziende e i consulenti del lavoro stanno recuperando in un’unica soluzione tutta l’imposta sui redditi arretrata.