Manuela Bailo uccisa da Fabrizio Pasini: si cercano coltello e oggetto che l’ha stordita

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 agosto 2018 17:09 | Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2018 19:06
Manuela Bailo, si cerca arma delitto e oggetto contundente

Manuela Bailo uccisa da Fabrizio Pasini: si cercano coltello e oggetto che l’ha stordita

BRESCIA – Prima l’hanno stordita, poi accoltellata alla carotide. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Le autorità ora cercano l’oggetto contundente con cui Manuela Bailo è stata stordita e il coltello con cui è stata uccisa da Fabrizio Pasini, il suo amante che ha confessato il delitto avvenuto a Brescia.

La ricostruzione dei carabinieri è ben diversa dalla versione fornita da Pasini. L’uomo infatti si è costituito sostenendo che Manuela, 35 anni e originaria di Nave, fosse morta accidentalmente per una caduta dalle scale. L’autopsia sul corpo della vittima ha però smentito la sua tesi. Manuela infatti è stata uccisa con una coltellata che le ha reciso la carotide e il colpo alla testa l’ha stordita, ma non è stata la causa della morte.

Intanto le autorità hanno cercato nell’auto di Pasini i due coltelli che aveva dichiarato di avere, ma ne hanno trovato uno solo che non sarebbe compatibile in primo esame con il taglio mortale inflitto alla vittima.