Marco Verratti ricompra il pc rubato ad un bambino disabile

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 agosto 2018 17:14 | Ultimo aggiornamento: 25 agosto 2018 17:14
Marco Verratti ricompra il pc rubato ad un bambino disabile

Marco Verratti ricompra il pc rubato ad un bambino disabile (Foto Ansa)

BOLOGNA – Un bambino disabile di 9 anni si ritrova senza pc perché gli viene rubato a scuola, a Bologna. E il calciatore Marco Verratti, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] centrocampista del Paris Saint-Germain, glielo ricompra.

Il furto è stato commesso nei giorni scorsi: tra gli oggetti spariti, gli strumenti didattici che il bambino usava per comunicare con gli insegnanti e con gli altri alunni, scrive il Corriere di Bologna.

Il padre aveva lanciato un appello per recuperare la refurtiva, spiegando che con il furto era stato portato via “tutto quello di cui il mio bambino ha bisogno per continuare ad andare a scuola”

Secondo quanto riporta il quotidiano, Verratti avrebbe contattato la famiglia, tramite un suo consulente di fiducia, per disporre, a favore della scuola elementare un bonifico di circa 10mila euro. Oltre al calciatore, per recuperare e riacquistare le attrezzature scolastiche si sono attivati anche genitori e famiglie da tutta Italia.

“Ci siamo sentiti ieri sera, la promessa è quella di vederci. Vorrei fargli conoscere mio figlio e ringraziarlo di persona”: con queste parole ha raccontato la telefonata con il calciatore il padre del bambino disabile.

Dopo la notizia della scomparsa di attrezzature didattiche, era partita una campagna di solidarietà. “Sono stato contattato da Patrizio Leoni, consulente del calciatore – spiega il padre – che mi ha detto che Verratti aveva saputo del furto alla scuola elementare e voleva contribuire. Un gesto di grande generosità. Dopo avere parlato con l’istituto comprensivo, è stata fatta una stima dei danni ed è stato fatto il versamento. Siamo davvero molto colpiti dalla generosità e dall’affetto che abbiamo percepito. Ho poi chiesto un contatto di Verratti per poterlo ringraziare a voce: è stato molto gentile, molto sensibile”.