“Avevo litigato con mio marito, poi lui ha ucciso nostro figlio”

Pubblicato il 1 Marzo 2012 20:27 | Ultimo aggiornamento: 1 Marzo 2012 20:30

TORINO – Maria Teresa Chiotti, moglie di Adriano Maero, l'ambulante di Giaveno (Torino) che lunedi' mattina ha ucciso a martellate il figlio William di 18 anni e poi si e' suicidato, aveva avuto un litigio con il marito poco prima di uscire di casa. Lo ha raccontato ai carabinieri, che l'hanno sentita per la prima volta dopo la tragedia.

Dopo avere trovato i due corpi infatti la donna era riuscita soltanto a chiamare i vicini e poi era stata colpita da un forte stato di shock, che aveva costretto i medici del 118 a farla ricoverare in ospedale, dove e' stata trattenuta per due giorni.

La donna ha raccontato che le liti con il marito erano ormai continue e che la coppia aveva gia' deciso di separarsi. Lunedi' mattina aveva detto al marito di essere stanca della vita con lui, si era rifiutata di accompagnarlo al mercato dove i due avevano un banco di biancheria intima, ed era uscita sbattendo la porta per recarsi da sua madre. Non si aspettava, ha riferito, che l'uomo scatenasse le sue tensioni contro il figlio che stava dormendo. Mareo ha ucciso il figlio con sette colpi di martello in testa e poi ha preso un coltello da cucina, ha inalato dell'anestetico e si e' trafitto mortalmente con nove fendenti.