Marian Rosca, morto uno dei feriti di Genova. E’ la vittima numero 43

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 agosto 2018 20:09 | Ultimo aggiornamento: 18 agosto 2018 20:11
Marian Rosca, morto camionista, uno dei feriti di Genova. E' la vittima numero 43

Marian Rosca, morto uno dei feriti di Genova. E’ la vittima numero 43 (foto Facebook)

GENOVA – Genova, sale a 43 il numero dei morti causati dal crollo di ponte Morandi. All’ospedale San Martino è morto uno dei feriti. Si tratta Marian Rosca, un autista romeno di 36 anni [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

Intanto anche l’ultimo corpo che mancava all’appello dei dispersi nel crollo del ponte Morandi è stato ritrovato: i vigili del fuoco hanno infatti estratto poco fa il corpo di Mirko Vicini il dipendente dell’Amiu che con il collega Bruno Casagrande aveva appena terminato il turno di lavoro quando il ponte è collassato.

Il cadavere di Vicini era sotto uno dei grossi blocchi di cemento che contenevano la struttura del pilone del ponte. Con il ritrovamento del dipendente dell’Amiu è dunque completa la lista dei dispersi: il bilancio attuale è quindi di 42 vittime.

L’auto su cui viaggiava la famiglia Cecala, il papà Cristian, la mamma Dawna e la piccola Kristal di 9 anni, è stata recuperata dai vigili del fuoco sotto le macerie la mattina del 18 agosto. L’auto è stata individuata nella notte, completamente schiacciata, sotto un grosso blocco di cemento che faceva parte del pilone della struttura crollato nei pressi dell’argine sinistro del Polcevera.

Tra i feriti, due sono ancora in gravi condizioni: si tratta di una donna di 74 anni, sassarese di nascita ma residente a Genova, e di un uomo di origini romene, attualmente in coma farmacologico.