Marianna Pepe uccisa dagli psicofarmaci? Due persone indagate

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 novembre 2018 12:01 | Ultimo aggiornamento: 11 novembre 2018 13:10
Marianna Pepe uccisa dagli psicofarmaci? E' giallo sulla morte della campionessa di tiro

Marianna Pepe uccisa dagli psicofarmaci? E’ giallo sulla morte della campionessa di tiro

TRIESTE – Uccisa dagli psicofarmaci? E’ mistero sulla morte della campionessa di tiro a segno Marianna Pepe, 39 anni, trovata morta giovedì a Muggia, a Trieste, nell’appartamento di un amico dove aveva passato la notte con il figlio di cinque anni. Appartamento dove la donna si era rifugiata perché, scrive il Corriere della Sera, la sera prima “sarebbe stata picchiata violentemente dall’ex compagno”.

La Procura ora ha anche aperto un’inchiesta e ha disposto un’autopsia. Due le persone indagate. Ma ancora non si conoscono le generalità. Tra le ipotesi  quella che a uccidere la donna siano stati un malore o un mix di psicofarmaci.

Marianna aveva chiesto ospitalità ad un amico dove era andata insieme al figlio di cinque anni perché se la sentiva di tornare a casa.

“E lì – scrive il Corriere della Sera – avrebbe assunto della cocaina, insieme ad altri farmaci e alcol: probabilmente è stato proprio questo mix letale a ucciderla”.

La campionessa stava uscendo da una relazione definita “burrascosa” e di recente si era rivolta anche al Centro antiviolenza di Trieste chiedendo aiuto perché l’ex compagno sembra non accettava la fine della loro storia. Il Corriere si spinge oltre e scrive: “La sera prima della morte, sarebbe stata violentemente picchiata dall’ex compagno, probabilmente davanti al figlio di cinque anni”.

E’ stato proprio il bambino di 5 anni a chiede aiuto dopo aver provato a svegliare, inutilmente, la mamma. Solo l’autopsia ora potrà chiarire le cause della morte di Marianna.